11 anni
di contaminazioni

Seguici sui social!

2 settimane fa

AmbriaJazz Associazione Culturale

“Prima di Nascer si Sogna di Nascere”– Ipotesi e Fantasie su Pietro Morelli 1685/1742.“Prima di Nascer si Sogna di Nascere”– Ipotesi e Fantasie su Pietro Morelli 1685/1742.
Carlo La Manna, voce narrante, basso
Giuliano Cramerotti, chitarra,
Francesco Savoretti, percussioni

Giardino di Palazzo Besta, Teglio - 10 agosto 2019
foto marina magri©
... di piùdi meno

Vedi su Facebook

AJF19 - Carlo La Manna, Un Personaggio a Palazzo #ambriajazzfestival2019 #ambriajazz #carlolamanna #teglio #palazzobesta #palazzobestateglio #performance #perfirmanceteatrale #marinamagrifoto ... di piùdi meno

Vedi su Facebook

Vi salutiamo così: era l'ultimo appuntamento di quest'anno. Grazie a tutti! ... di piùdi meno

Vedi su Facebook
Ambriajazz Festival/Senza categoria /Qwanqwa alla Ferriera Corneliani

Qwanqwa alla Ferriera Corneliani

Qwanqwa alla Ferriera Corneliani

Siamo al penultimo appuntamento con il Festival AmbriaJazz, ormai la valigia di Giovanni per la Sardegna è quasi pronta e le ultime fatiche, anche se piacevoli, sono sul finire. Vi saluterà Mercoledì 31 luglio 2019 alle ore 21:00 nel Parco della Ferriera Corneliani a Premadio presentandovi i QWANQWA, gruppo composto da Selamnesh Zemene alla voce, Endris Hassan al mesenko, Kaethe Hostetter con il violino, Bubu Teklemariam al bass krar e Misale Leggesse al kebero.  Qwanqwa è un gruppo che affonda le proprie radici tra l’Etiopia e gli Stati Uniti e che rappresenta una novità della scena world music. E’ fondato nel 2012 dalla violinista americana Kaethe Hostetter che dopo il suo trasferimento ad Addis Abeba si era immersa in profondità dentro la musica etiope. Qwanqwa, termine amarico che significa “lingua”, è un progetto che trova la sua ispirazione nel dialogo tra culture, sonorità e repertori diversi. Esplorando i ritmi e le atmosfere dell’Africa orientale il raggio d’azione di questo progetto spazia dai canti trance delle tribù eritree a brani di rock somalo fino alle canzoni di Mahmoud Ahmed con arrangiamenti e suoni psichedelici prodotti da strumenti tradizionali.

Il concerto è realizzato in collaborazione con Musicamorfosi, il Comune e la Pro Loco di Valdidentro, è Accessibile a tutti – Si farà anche in caso di pioggia.

           

      

 

No Comments

Leave a Reply