11 anni
di contaminazioni

Seguici sui social!

se siete interessati a ricevere informazioni sugli eventi futuri potete cliccare sul pulsante iscriviti della nostra pagina Facebook o sul nostro sito cliccando sul pulsante dedicato
grazie
... di piùdi meno

Vedi su Facebook

Siamo a JazzIt Milano per JazzDoIt conferenza "improvvisamente" Il Jazz incontra le scuole secondarie, i conservatori, le università. ... di piùdi meno

Vedi su Facebook
Ambriajazz Festival/Events /Uri Caine e Dave Douglas a Morbegno

Uri Caine e Dave Douglas a Morbegno

Uri Caine e Dave Douglas a Morbegno

AmbriaJazz è buona musica in Valtellina

Manca pochissimo alla serata con Uri Caine e Dave Douglas all’Auditorium Sant’Antonio di Morbegno: Venerdì 1 novembre 2019 alle ore 21:00 i due Musicisti americani suoneranno “Present Joys” per il pubblico appassionato di jazz di gran qualità. Solo fino a giovedì troverete il Biglietto Unico a € 20,00 (più 1 € di prevendita) presso il Consorzio Turistico di Morbegno in Piazza Emilio Bossi; presso il Consorzio Turistico di Sondrio e Valmalenco in Via Tonale a Sondrio; presso i negozi “La Pianola” in via C.Battisti a Sondrio e “Musica Chiavenna” in Via Dolzino a Chiavenna. Per chi non riuscirà a farlo prima sarà possibile acquistare i Biglietti direttamente in Auditorium da un’ora prima del concerto, fino ad esaurimento posti.
Evento a cura di AmbriaJazz per Morbegno Cultura.

Per chi lo desidera sarà possibile iscriversi alla mail list ambriajazz per ricevere le informazioni sugli eventi a venire.

Riportiamo di seguito l’articolo di Giuseppe Segala per All About Jazz pubblicato il 21 luglio del 2014:

“Per questo loro incontro discografico in duo Dave Douglas e Uri Caine scelgono un repertorio compatto, tracciando un percorso stilistico di grande focalizzazione e coerenza, all’interno del quale è però forte la dialettica delle varie componenti. Cinque brani sono tratti dalla raccolta di musica sacra corale The Sacred Harp, sviluppata nella Chiesa Protestante statunitense a cavallo tra il Settecento e l’Ottocento. Gli altri cinque sono scritti dallo stesso Douglas, che in parte adatta il proprio approccio a quelle atmosfere elegiache, ma nel contempo spinge il discorso avanti in varie direzioni, nell’orientamento che lo vede sempre più alla ricerca di una sintesi stretta tra jazz, musica contemporanea e una forte immaginazione folklorica.

Perché un disco ampiamente basato sugli inni della “Sacred Harp”? Douglas mette la scelta in relazione all’orientamento da lui preso con Be Still, ma pure con l’attrazione che questo repertorio ha sempre esercitato su di lui. Da parte nostra, viene spontaneo l’accostamento con l’altro grande repertorio sacro nato in seno alla musica afro-americana: spiritual e gospel. In relazione a quelle espressioni musicali, qui siamo in un campo più misurato, a tratti analitico e certamente laico nell’accezione in cui lo affrontano Douglas e Caine. La ricerca di un equilibrio, di un eloquio calibrato, pur dove i musicisti danno fondo alle loro doti di virtuosi, lo pone in una visione agli antipodi dei canti religiosi nero-americani.

L’ascolto di Present Joys fluisce scorrevole, non richiede forte impegno al primo approccio. La durata dei brani si aggira fra i tre e i cinque minuti: il tempo di una canzone. Ma la musica è densa di sostanza, scorre tutt’altro che in superficie, tende anzi a distillare ogni episodio in una stretta relazione tra i due strumenti. Il percorso è ampiamente basato sugli inni della tradizione sacra nella prima parte, con tromba e pianoforte che si muovono con eleganza e una certa solennità; con attenzione ai temi melodici che si avvicendano in modo suggestivo (bello il contrasto espressivo tra primo e secondo tema in “Soar Away”). “Present Joys” è il brano che più si avvicina a uno spirito blues, subito colto e sviluppato dal duo in modo delizioso. Gli interventi solistici trovano qui il loro spazio in modo discreto, non invadente, ma intenso.

Nella seconda parte si sviluppa poi la maggioranza delle composizioni di Douglas: con “Seven Seas” il gioco delle armonie si fa complesso e i due musicisti mettono alla prova le loro armi. Douglas è splendidamente concentrato e focalizzato su un suono denso, luminoso, vibrante di espressività, pur non rinunciando alle proprie doti camaleontiche. Caine è il cesellatore enciclopedico che conosciamo, che sa temperare la vastità della propria conoscenza e dell’ispirazione con intelligenza inesauribile. “Old Putt” è un pezzo da maestro forgiato dal suo pianoforte, che prelude all’intensità del conclusivo “Zero Hour.”

Più che un dialogo, tra i due musicisti che si conoscono così bene per la lunga, amichevole frequentazione, si intraprende un percorso comune. Si accompagnano, si mostrano a vicenda scorci di paesaggi sonori, di colori. Condividono stati d’animo, stupori e dotte considerazioni. Ascoltarli è un piacere.

Track Listing: Soar Away; Ham Fist; Bethel; Present Joys; Supplication; Seven Seas; Confidence; End to End; Old Putt; Zero Hour.

Personnel: Dave Douglas: tromba; Uri Caine: pianoforte.

Title: Present Joys | Year Released: 2014 | Record Label: Greenleaf Music

No Comments

Leave a Reply