10 anni
di contaminazioni

Seguici sui social!

Unable to display Facebook posts.
Show error

Error: Error validating access token: Session has expired on Sunday, 19-Aug-18 13:23:54 PDT. The current time is Friday, 14-Dec-18 08:33:12 PST.
Type: OAuthException
Code: 190
Subcode: 463
Please refer to our Error Message Reference.
Scarpatetti | Palazzo Martinengo

Sondrio

Scarpatetti

Scarpatetti è indubbiamente il quartiere più caratteristico di Sondrio, per esplorarlo basta imboccare il vicolo dietro al MVSA (Museo Valtellinese di Storia e Arte): da qui ci si immerge nell’atmosfera di un mondo passato, tra le architetture di pietra a vista ed i ballatoi in legno delle caratteristiche case rurali, fino a raggiungere il Castello Masegra per godere del panorama.
Questo quartiere ha mantenuto quasi intatte le sue caratteristiche di rione rurale con molti scorci splendidi e richiami alla vita di un tempo lungo la strada, come antichi stemmi gentilizi o i sostegni delle lampade a petrolio, che lo rendono davvero imperdibile.
Sulla via si trovano anche piccole cappelle, testimonianza della devozione popolare, di cui la più celebre è quella della Madonna dell’uva, chiamata così per via della statua lignea che raffigura la Madonna con Gesù Bambino che reggono un grappolo d’uva.

Palazzo Martinengo

Nel cuore di Sondrio, Palazzo Martinengo si affaccia su piazza Garibaldi e sul fiume Mallero con i suoi ampi giardini. L’edificio, costruito nei primi decenni del ‘600, fu dimora del conte bresciano Ulisse Martinengo, un seguace della Riforma protestante esule in Valtellina, allora dominata dai Grigioni. Nel corso della sua storia il palazzo ha subito le frequenti inondazioni del vicino torrente Mallero, in seguito alle quali sono state apportate numerose modifiche all’assetto della costruzione: in particolare, dopo le alluvioni del 1759 e del 1773, l’ingresso principale venne posto sul lato verso il giardino dando alla facciata un aspetto dalle linee neoclassiche, tipicamente ottocentesco. Oggi il lato sinistro del palazzo si affaccia sul cortile posteriore del vicino Archivio di Stato, mentre la facciata posteriore dell’edificio, originariamente principale, si trova su via Dante. Palazzo Martinengo ospita inoltre la Collezione Mineralogica Fulvio Grazioli, con alcune migliaia di campioni di minerali raccolti soprattutto in Valmalenco: una delle collezioni regionali più complete in Italia.

Eventi correlati

07/07 | MENO MONDO POSSIBILE
15/07 | LUMINA
28/07 | SINE NOMINE
28/07 | DA DA DA