News ed eventi

Danilo REA e Michel GODARD – La Finestra di Puccini

La Finestra di Puccini

Sabato 28 gennaio alle ore 21:00, sul palco dell’Auditorium Sant’Antonio di Morbegno, AmbriaJazz presenta due dei nomi più importanti della scena europea: Danilo Rea al piano e Michel Godard alla tuba e serpentone.

Il nuovo progetto, La finestra di Puccini, è ideato e curato da Toscana Produzione Musica

Il concerto rientra nel programma Morbegno musica promosso dal Comune di Morbegno e dalla Fondazione Enea Mattei in collaborazione con AmbriaJazz e le altre associazioni del territorio.

Danilo Rea, uno dei pianisti più conosciuti della scena nazionale e Michel Godard, uno dei più raffinati compositori e abili virtuosi di tuba e serpentone (antico strumento suonato nelle chiese francesi, antesignano del basso tuba), si incontreranno sul terreno comune dell’amore per la musica dell’operista lucchese Giacomo Puccini la cui musica conquistò i teatri di tutto il mondo.

Lontani dai manierismi di molti progetti di rilettura in chiave jazz di repertori operistici Rea e Godard esplorano Puccini non solo attraverso l’improvvisazione sul canovaccio di arie note e meno note, ma anche ritrovando l’eredità del suo travolgente lirismo in alcune selezionate composizioni originali. Il risultato è una musica universale, senza tempo e oltre i generi, che riesce a toccare corde intime e profonde in chi li ascolta. Un sodalizio tra Maestri.

I biglietti del concerto sono acquistabili sul sito di AmbriaJazz www.ambriajazzfestival.it al seguente link: https://oooh.events/evento/danilo-rea-michel-godard-biglietti/

Ecco chi sono i due ospiti di AmbriaJazz.

Danilo Rea è considerato uno dei migliori pianisti italiani, ricercatissimo in ambito pop e jazz.

Ha iniziato a suonare all’età di sei anni, si è diplomato al conservatorio di Santa Cecilia a Roma e non ha mai abbandonato la sua passione. Da più di dieci anni è il pianista di fiducia di Mina, ha collaborato con Claudio Baglioni, Adriano Celentano e di recente con Gino Paoli insieme ai più grandi musicisti jazz della scena italiana con i quali ha occasione di dare spazio alla sua vera forza, la libera improvvisazione su temi melodici celebri.

Ha lavorato anche con numerosi personaggi di spicco del panorama musicale jazz internazionale come Chet Baker, Lee Konitz, Bob Berg, Michael Brecker, Tony Oxley, Dave Liebman, Kenny Wheeler, John Scofield, Joe Lovano, Toots Thielemans, esibendosi in diversi concerti nei maggiori festival jazz italiani e internazionali.

 

Michel Godard: è uno dei pochissimi solisti di tuba e probabilmente l’unico solista di serpentone, strumento antenato della tuba, che nasce come il basso della famiglia dei cornetti e che non aveva mai goduto di un repertorio solistico. Dal 1979 Godard sviluppa il suo enorme talento tecnico su questo strumento dimenticato, vi esegue un repertorio che va dalla musica del XVI secolo al jazz, alla musica improvvisata.

 

Nelle giornate di venerdì 27 gennaio e sabato 28 gennaio, in concomitanza con il concerto di Danilo Rea e Michel Godard, sarà visitabile la mostra fotografica “Note il bianco e nero” del fotografo valtellinese Michele Bordoni.

La Vernice della mostra si terrà venerdì 27 gennaio alle ore 18:00 preso la sala Boffi, all’interno del complesso monumentale Sant’Antonio di Morbegno.

Gli orari sono i seguenti: venerdì 27, 16:00 – 20:00, sabato 28, 10:00 – 13:00, 14:30 – 23:30.

In collaborazione con AmbriaJazz, AFIJ, e con il patrocinio del Comune di Morbegno e della Fondazione Enea Mattei.

Camilla Moretti

Media Relation

 

L’intervista a cura di Paolo Redaelli


 

share it!
Share on facebook
Share on twitter
Share on google
Share on email